Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

AVVISO ESPLORATIVO PER LA RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE FINALIZZATE ALLA SELEZIONE E NOMINA DI UN VICE CONSOLE ONORARIO NELLA CITTA’ DI TANGERI

AVVISO ESPLORATIVO PER LA RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE FINALIZZATE ALLA SELEZIONE E NOMINA DI UN VICE CONSOLE ONORARIO NELLA CITTA’ DI TANGERI

 

Si rende noto che il Consolato Generale d’Italia a Casablanca intende procedere con la raccolta di manifestazioni di interesse finalizzate alla selezione e alla nomina di un Vice Console Onorario presso la città di Tangeri.

Il Console onorario, che opererà sotto la direzione del Consolato Generale di Casablanca, sarà chiamato a svolgere prioritariamente funzioni di assistenza in favore dei cittadini italiani e tutela degli interessi italiani nel territorio di competenza.

Le manifestazioni di interesse dovranno pervenire esclusivamente via posta elettronica (segreteria.casablanca@esteri.it) entro il 3 giugno 2024. I candidati dovranno allegare un proprio CV in lingua italiana o francese. Il Consolato Generale si riserva di valutare le candidature effettuando eventualmente approfondimenti anche attraverso colloqui. Si precisa in ogni caso che la selezione NON avverrà in base a procedura concorsuale né para-concorsuale.

Si ricorda che ai sensi del DPR 5 gennaio 1967, n.18, i funzionari consolari onorari vengono scelti dall’Amministrazione competente (Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale) “fra persone preferibilmente di cittadinanza italiana, che godano di stima e prestigio e diano pieno affidamento di poter adempiere adeguatamente alle funzioni consolari”. In tale ottica, la padronanza della lingua italiana è un titolo preferenziale. Si ricorda infine che le spese di funzionamento dell’ufficio consolare onorario sono da intendersi esclusivamente a carico del titolare dell’ufficio stesso, fatte salve alcune voci di spesa per le quali è possibile richiedere un rimborso compatibilmente con le assegnazioni ministeriali.

Si ricorda infine che il conferimento dell’incarico all’esercizio delle funzioni consolari onorarie non costituisce un rapporto di impiego né di lavoro subordinato, bensì un rapporto per l’espletamento di mansioni onorarie in favore dello Stato italiano.